Come crescere e prendersi cura dell’Angelonia

3 min read

Nome comuneAngelonia, bocca di leone d’estate
Nome botanicoAngelonia angustifolia
FamigliaPlantaginacee
Tipo di piantaPerenne nei climi caldi, coltivata come annuale nelle zone USDA 8 e inferiori
Taglia matura18 pollici di altezza, da 9 a 12 pollici di larghezza
Esposizione solarePieno sole
Tipo di terrenoUmido, fertile, ben drenato
pH del suoloacido
Tempo di fiorituraEstate
Colore del fioreBianco, rosa, malva, viola, viola
Zone di rusticità9-11 (USDA)
Zona nataleMessico, Indie occidentali, Sud America
/Unsplash

Cura dell’Angelo

La natura dura e il lungo periodo di fioritura dell’angelonia lo rendono un alimento base nelle aiuole e nei contenitori estivi. La sua fragranza e i suoi fiori ricchi di nettare attirano gli impollinatori in un giardino soleggiato. Queste piante a bassa manutenzione non richiedono deadheading e ti accoglieranno con fioriture per molte settimane.

Luce

Pianta l’angelonia in pieno sole per fornire l’energia di cui ha bisogno per fiorire continuamente. Le piante che non ricevono almeno dalle sei alle otto ore di luce solare diretta diventeranno alte e con le gambe lunghe con meno fioriture.

Suolo

L’Angelonia tollera un’ampia varietà di terreni ma preferisce un pH del suolo compreso tra 5,5 e 6,2. Il terreno ricco di materia organica ridurrà le faccende di irrigazione e concimazione. Le piante hanno bisogno di un buon drenaggio per prevenire la putrefazione delle radici. Se l’olio da giardino è argilloso, valuta la possibilità di modificare il terreno per migliorarne l’inclinazione o coltivare l’angelonia in un letto rialzato o in un contenitore.

Acqua

L’Angelonia è abbastanza resistente e continuerà a fiorire durante i periodi di siccità. Innaffia quando i primi pochi centimetri di terreno sono asciutti. L’umidità supplementare va bene se le piante hanno un buon drenaggio.

Temperatura e Umidità

L’Angelonia prospera nella calda estate e con un’elevata umidità. Vivono nel profondo sud dove dominano le condizioni afose. L’Angelonia se la cava bene anche nel sud-ovest con un po’ di irrigazione in più.

Fertilizzante

Fertilizza le tue piante di angelonia mensilmente perché sono alimentatori leggeri e troppo fertilizzante causerà una crescita eccessiva del fogliame a scapito dei fiori. Puoi nutrire le piante con una leggera dose di fertilizzante per fiori al momento della semina, che eliminerà la necessità di concimare di nuovo. Per la quantità da utilizzare, seguire le istruzioni sull’etichetta del prodotto.

Varietà Angelonia

Ecco diverse varietà di angelonia da considerare in crescita:

  • Angelface ® Cascade Blue’ ha sia l’altezza che un’abitudine a cascata, conferendogli un duplice ruolo nei contenitori.
  • La serie ‘AngelMist ® funge da copertura del terreno, raggiungendo solo da quattro a dieci pollici di altezza ma estendendosi fino a 20 pollici.
  • Angelonia ‘Serena’ e ‘Serenita’ sono le uniche varietà disponibili per i consumatori come semi.

Potatura

A differenza di molte annuali, l’angelonia non richiede deadheading per promuovere la fioritura. Tuttavia, pizzicare le piante quando sono giovani favorisce una crescita più folta.

Propagazione

L’Angelonia è facile da propagare per talea.

  1. Usando un coltello affilato, prendi un ritaglio di tre pollici dalla punta di uno stelo di angelonia. Scegli una talea senza fiori.
  2. Elimina tutte le foglie dal taglio tranne la coppia superiore perché lo stelo non può supportare le foglie in più senza un apparato radicale.
  3. Riempi una piccola pentola con un terriccio per invasatura. Con una matita o un dito, fai un piccolo foro nel terreno.
  4. Immergi l’estremità tagliata nell’ormone radicante e inseriscila in un terriccio umido.
  5. Mantieni il terreno umido.
  6. Quando iniziano a formarsi nuove foglie, è pronto per essere trapiantato nel tuo giardino.

Crescere dai semi

I semi di Angelonia sono molto fini e difficili da maneggiare, quindi cerca i semi pellettati, che rendono i semi più grandi con un rivestimento di argilla che si dissolve dopo la semina.

Inizia i semi di angelonia in casa circa sei settimane prima dell’ultimo gelo. Premili in un terriccio sterile, ma non coprire i semi perché la luce aiuta la germinazione. Mantieni i semi umidi e fornisci una luce brillante e una temperatura compresa tra 70 e 75 gradi Fahrenheit. La germinazione avverrà in una o tre settimane. Piantine spaziali a otto pollici di distanza nel giardino.

Invasatura e rinvaso

Le fioriture costanti e l’abitudine ordinata e autopulente delle piante di angelonia le rendono ideali per la coltivazione in contenitori. Approfitta del fascino di angelonia per farfalle e colibrì con alcune fioriere per piscina o patio. I contenitori grandi, di almeno 18 pollici di diametro, non si asciugheranno velocemente come i contenitori più piccoli.

Metti in vaso le tue piante di angelonia in tarda primavera, quando le temperature serali sono calde. Usa un terriccio commerciale, che fornirà la giusta acidità e drenaggio. L’Angelonia ha un piccolo apparato radicale e non avrà bisogno di rinvaso se coltivata come annuale. Rinvasare le piante svernate in primavera per rinfrescare il terreno di coltura.

Svernamento

Nei climi più freddi, l’angelonia viene solitamente coltivata come annuale, ma puoi anche svernare le piante in vaso al chiuso. Quando le temperature notturne scendono sotto i 60 gradi Fahrenheit, portalo dentro. Posizionalo vicino a una finestra in cui la pianta riceve luce diretta e intensa e la temperatura ambiente è costantemente fresca, circa 65 gradi Fahrenheit. Mantieni il terreno umido annaffiandolo circa una volta alla settimana. Quando le temperature notturne primaverili sono tornate nella gamma inferiore di 60 gradi Fahrenheit, sposta la pianta all’aperto.

Parassiti comuni

Gli afidi possono essere un problema per l’angelonia, soprattutto all’inizio della stagione quando le piante sono nella loro fase di rapida crescita. Una leggera nebulizzazione di sapone insetticida due volte a settimana eliminerà i parassiti prima che abbiano la possibilità di deformare le tue piante.

FAQ

  • Le due piante non sono dello stesso genere. Gli snapdragon sono disponibili in una gamma più ampia di colori rispetto all’angelonia, comprese le calde tonalità gialle e arancioni che non puoi trovare negli angelini. Le bocche di leone hanno fiori più grandi che raggiungono il loro apice in primavera, mentre i piccoli fiori di angelonia crescono meglio nella calda estate. Per lo spettacolo floreale più lungo, inizia con le bocche di leone e segui con una piantumazione di angeline quando l’estate si scalda.
  • La pianta è originaria del Messico e delle Indie occidentali.
  • L’Angelonia è una tenera pianta perenne che sopravvive solo agli inverni in climi da caldi a caldi. Nelle zone più fredde di rusticità dell’oro dell’USDA, viene coltivato come annuale.

Leave a Reply

Your email address will not be published.