Come coltivare e prendersi cura di cactus indoor

8 min read

In natura esistono migliaia di specie di piante di cactus,inclusi due grandi gruppi di cactus coltivati ​​come piante d’appartamento : cactus del deserto e cactus della foresta. Entrambi i gruppi prosperano indoor con una manutenzione relativamente ridotta e sono disponibili in molte dimensioni, con le varietà da piccole a moderate che sono le più popolari. I cactus del deserto in genere portano spine o capelli e hanno la forma di pagaie, palline o obelischi. I cactus della foresta provengono dalle regioni subtropicali. Assomigliano ad altre piante succulente , come le bromelie, e crescono nelle aree boscose delle foreste temperate e nelle regioni subtropicali e tropicali.

Sono piante rampicanti o epifite che si aggrappano agli alberi in natura e sono ottime piante sospese per interni. Il cactus decorativo più famoso della foresta è il cactus di Natale , originario del Brasile, e fiorisce in rosso, rosa, viola e giallo. Sia i cactus del deserto che quelli della foresta crescono lentamente, vantano bellissime fioriture e sono tra le piante d’appartamento più robuste.

Nome comuneCactus
Nome botanicoCactacee
FamigliaCactacee
Tipo di piantaSucculento, perenne
Taglia matura1-96 pollici di altezza, 2-30 pollici di larghezza a seconda della specie e della cultivar
Esposizione solarePieno sole
Tipo di terrenoBen drenato, sabbioso
pH del suoloNeutro, acido
Tempo di fiorituraEstate
Colore del fioreArancione, rosa, rosso, giallo, bianco
Zone di rusticitàdalle 9 alle 11 (USDA)
Zona nataleNord America, Sud America

Cura dei cactus per interni

Tra le piante d’appartamento più dure, i cactus del deserto e della foresta hanno una bellezza unica e netta, che li rende un pezzo distintivo per qualsiasi davanzale o stanza illuminata. Alcune specie fioriscono dopo tre o quattro anni di coltivazione e altre non fioriscono mai al chiuso. Entrambi i gruppi di cactus sono facili da curare, richiedono solo luce solare intensa e annaffiature occasionali. L’acqua e l’alimentazione possono essere ridotte in inverno, quando la pianta va in letargo. La potatura di solito non è necessaria a meno che non sia necessario regolare la crescita e il deadheading riguarda solo le varietà da fiore, di cui i fiori secchi tendono comunque a cadere da soli.

Luce

I cactus richiedono dalle quattro alle sei ore di luce solare intensa ogni giorno. Tuttavia, alcune specie di cactus sia del deserto che della foresta possono bruciare alla luce diretta del sole. Individua il tuo cactus vicino a una finestra soleggiata e opta per un punto che riceva luce filtrata in estate e luce diretta (come una finestra esposta a sud o ovest) in inverno. Puoi spostare il tuo cactus all’aperto durante l’estate per fornire un ampio fabbisogno di luce, ma fallo solo quando le temperature notturne raggiungono i 50 gradi Fahrenheit o superiori.

Suolo

Il cactus del deserto cresce meglio in un mix di terreno a drenaggio rapido progettato specificamente per i cactus. Crescono bene anche in terriccio regolare modificato con sabbia, ciottoli o perlite per aumentare il drenaggio e l’aerazione. Il cactus della foresta ama anche il terreno ben drenante, ma spesso può crescere bene in un normale terriccio.

Acqua

Durante la primavera e l’estate, quando il tuo cactus sta crescendo e fiorindo attivamente, dagli una bevanda abbondante ogni dieci giorni, permettendo all’acqua di defluire completamente. Durante il periodo di riposo invernale, ridurre le annaffiature a una volta ogni quattro settimane (e ogni sei settimane per alcune specie del deserto). Il terreno deve essere asciutto al tatto tra le annaffiature estive e per lo più asciutto in inverno.

Temperatura e Umidità

Il cactus preferisce le temperature calde, comprese tra 70 e 80 gradi Fahrenheit. In inverno, la pianta preferisce un periodo di raffreddamento, con temperature che si aggirano intorno ai 55 gradi Fahrenheit. Nel suo habitat naturale, il cactus del deserto è abituato a notti molto fredde e alcune specie possono persino resistere a notti che scendono a 35 gradi Fahrenheit. Tuttavia, qualsiasi pianta d’appartamento che non si è indurita deve essere protetta dalle correnti d’aria invernali.

Il cactus preferisce livelli di umidità dal 40 al 60 percento, che è abbastanza facile da raggiungere nella maggior parte delle case. I cactus della foresta amano l’aria leggermente più umida delle varietà del deserto. Quindi, se vedi la tua pianta succulenta appassire, spruzzala di tanto in tanto.

Fertilizzante

Il cactus può sopravvivere ad alcune delle condizioni più difficili della terra. Qualsiasi sforzo per concimare è benvenuto, ma non è necessario. Alcuni giardinieri producono scarsi risultati con i fertilizzanti per piante d’appartamento standard (probabilmente a causa del rapporto improprio di nutrienti), quindi cerca un fertilizzante organico specializzato per cactus che contenga più fosforo che azoto. Fertilizza il tuo cactus due o tre volte all’anno, solo durante la stagione di crescita, e fai riferimento alle quantità consigliate dal produttore. Ridurre o eliminare il fertilizzante durante l’inverno.

Tipi di cactus da interni

Diverse varietà di cactus, da quelle che presentano spine tradizionali a quelle che assomigliano ad altre piante succulente, sono adatte per la coltivazione indoor. Alcuni tipi preferiti per la coltivazione indoor includono:

  • Il cactus Bunny Ear ( Opuntia microdasys ) è originario del Messico settentrionale e presenta cuscinetti simili a steli che ricordano le orecchie di coniglio. Questa varietà deve essere maneggiata con cura perché i cuscinetti contengono glochidi gialli (setole spinate) che sembrano cotonose, ma contengono numerose spine. Il cactus Bunny Ears porta fiori bianchi e può crescere fino a due o tre piedi di altezza.
  • Una delle varietà più popolari di piante d’appartamento, Old Lady Cactus ( Mammillaria Hahniana ) assomiglia a un puntaspilli, completo di capelli e numerose spine. Questa cultivar è di forma rotonda, con attraenti fiori viola e può crescere fino a quattro pollici di altezza e otto pollici di larghezza.
  • Il cactus di Pasqua (Rhipsalideae gaertneri) è un cactus della foresta che presenta steli segmentati senza spine e fiori luminosi a forma di stella in bianco, rosso e rosa. È uno dei cactus più facili da coltivare indoor e più adatto per i coltivatori principianti.
  • Star Cactus ( Astrophytum asterias ) chiamato anche cactus del dollaro di sabbia o cactus del riccio di mare è un tumulo a forma di stella e produce fiori gialli. Questa piccola varietà cresce da uno a due pollici di altezza con un diametro da due a sei pollici e si trova spesso nei giardini di terrari interni.

Potatura

In generale, un cactus non ha davvero bisogno di potature importanti a meno che tu non stia cercando di controllarne la crescita. La rimozione di parti morte o danneggiate, tuttavia, può essere eseguita con cesoie da giardino pulite e affilate. I giardinieri in genere tagliano i loro cactus solo per rimuovere nuovi germogli (o cuccioli) per propagare nuove piante. Quando lo fai, indossa sempre guanti da giardinaggio protettivi in ​​modo da non ferirti durante il processo.

Propagazione del cactus al coperto

Se il tuo cactus produce propaggini (o cuccioli), puoi usarli per propagare altre piante. La maggior parte dei cuccioli cresce alla base della pianta, condividendo i nutrienti e l’acqua dalla pianta madre, mentre altri si formano lungo lo stelo o sui cuscinetti. La raccolta e la propagazione dei cuccioli contribuisce alla salute della pianta madre consentendo al tempo stesso di replicare la pianta.

Ecco come propagare il cactus dalle propaggini:

  1. Procurati le seguenti provviste: guanti, un coltello affilato, tamponi imbevuti di alcol, ormone radicante, terriccio per cactus e una pentola.
  2. Sterilizza il coltello strofinandolo con un batuffolo di alcol e lasciandolo asciugare. Indossa guanti protettivi.
  3. Individua un cucciolo e taglialo via dalla madre alla sua base usando un angolo di 45 gradi (un angolo obliquo consente alla ferita di callare prima che marcisca).
  4. Lascia che il cucciolo si sieda in un luogo asciutto per alcuni giorni (o fino a una settimana), dandogli tempo per il callo.
  5. Riempi la tua pentola con il mix di invasatura.
  6. Immergi l’estremità tagliata del cucciolo nell’ormone radicante , quindi premilo delicatamente nella parte superiore del terreno di coltura.
  7. Metti la pentola alla luce del sole brillante ma indiretta e nebulizzala spesso.

Il tuo nuovo cactus dovrebbe sviluppare radici forti in quattro o sei settimane.

Come coltivare un cactus da interno dai semi

Sia i cactus del deserto che quelli della foresta possono essere coltivati ​​da seme, ma ci vuole pazienza. Inoltre, dovrai acquisire semi di cactus, che possono essere raccolti dalla pianta solo se fiorisce. Alcuni cactus potrebbero non fiorire mai in casa, quindi acquistare semi confezionati da un vivaio potrebbe essere la tua unica opzione.

La maggior parte dei semi di cactus deve essere stratificata (indotta a pensare di aver vissuto l’inverno) prima di piantare. Questo può essere fatto mettendo i semi nella torba inumidita e poi conservandoli in frigorifero fino a quando non si aprono (in circa quattro o sei settimane).

Dopo il periodo di stratificazione, prepara un vaso con un terriccio di cactus e pianta i semi tanto profondi quanto larghi. Innaffiali leggermente, quindi copri la pentola con la plastica e posizionala in un luogo luminoso al riparo dal sole diretto. La maggior parte dei cactus germinerà in circa tre settimane, quindi puoi rimuovere la copertura di plastica durante il giorno. In circa sei mesi, le piantine dovrebbero essere pronte per i propri vasi.

Invasatura e rinvaso di cactus

I cactus sono piante a crescita lenta che raramente avranno bisogno di essere rinvasate. In realtà, molte specie di cactus fioriranno meglio quando sono leggermente legate alle radici . I cactus dovrebbero essere rinvasati all’inizio della stagione di crescita solo quando hanno bisogno di terreno fresco o soffrono di marciume. Per fare ciò, prima indossa un paio di guanti protettivi. Quindi, rimuovi la pianta dal suo vaso attuale usando una cazzuola pulita per allentare le radici. Riempi il fondo di una pentola di terracotta o di terracotta con un terriccio di cactus a drenaggio rapido. Aggiungi la tua pianta, riempiendo i lati e avendo cura di coprire le radici, e annaffia leggermente.

Svernamento

Un cactus da interno ha bisogno di cure speciali in inverno, tuttavia, ciò significa in genere meno attenzione, non di più. Per cominciare, assicurati di individuare il tuo cactus nella finestra più soleggiata. Poiché il sole invernale è basso nel cielo, ciò consentirà al tuo cactus di prosperare senza bruciarsi. Quindi, assicurati di interrompere la fertilizzazione durante questo periodo di dormienza e di ridurre le annaffiature a una volta al mese, al massimo.

Parassiti e malattie comuni

Tutti i tipi di cactus possono soffrire di infestazioni di cocciniglie, squame, moscerini dei funghi e acari. 1 I sintomi includono foglie avvizzite, un rivestimento simile a una muffa e la comparsa di insetti sugli steli o nel terreno. Nella maggior parte dei casi, è possibile lavare accuratamente i parassiti usando uno spray dal tubo del lavandino o dei cotton fioc. La maggior parte dei parassiti delle piante è diventata resistente agli insetticidi e l’uso di insetticidi chimici in ambienti chiusi dovrebbe essere l’ultima risorsa. 2

I cactus troppo innaffiati possono soffrire di marciume fungino che sembra macchie scure e incavate sullo stelo che alla fine diventano molli. La putrefazione batterica può anche far trasudare un liquido nero dal tuo cactus. Se si presenta una di queste condizioni, rimuovere le aree interessate della pianta e trattarla con una soluzione di perossido di idrogeno diluito.

Come far fiorire un cactus da interni

Un cactus o una succulenta in fiore è un piacere, poiché la maggior parte non fiorisce all’interno. Per aiutare nel processo, dovrai ricreare l’habitat naturale del cactus, che richiede temperature calde diurne e fresche temperature notturne comprese tra 50 e 55 gradi Fahrenheit. Se la temperatura ambiente della tua casa è più calda di quella, potrebbe essere necessario trasferire la tua pianta in un garage o in un seminterrato di notte (cosa che la maggior parte dei giardinieri domestici non si preoccuperebbe di fare).

Per fiorire, i cactus devono anche ricevere almeno dalle quattro alle sei ore di luce solare e la giusta quantità di acqua (ma non troppa!). Forse il fattore più importante per le fioriture è lasciare che il tuo cactus viva un periodo di dormienza, quando la luce solare e l’acqua si riducono. È durante questo periodo che fioriscono alcuni cactus della foresta (come il cactus di Natale).

Problemi comuni con cactus indoor

L’errore più comune commesso dai giardinieri di cactus è l’irrigazione eccessiva in inverno. Questo può portare a marcire sia alla base della pianta che sulle punte dove appare una nuova crescita. Se il marciume è avanzato, potrebbe essere necessario avviare una nuova pianta da talee o scartare completamente l’intera pianta madre.

L’uso di fertilizzanti non organici può anche danneggiare il tuo cactus perché la maggior parte dei fertilizzanti chimici contiene metalli pesanti che alla fine avvelenano la pianta. E poiché i cactus non hanno corteccia o foglie protettive, sono comuni lesioni fisiche, che causano un urto che porta a un’infezione. Per evitare ciò, assicurati di mantenere la tua pianta sana in modo che si incastri prima che venga infettata.

FAQ

  • Quanto tempo vive un cactus indoor? In generale, una pianta di cactus da interno dovrebbe durare dieci anni, ma alcune specie delicate potrebbero durare solo pochi mesi. Al contrario, alcune specie possono vivere fino a 300 anni all’aperto nel loro habitat naturale.
  • Cosa rende un cactus unico rispetto alle altre piante? I cactus sono caratterizzati da areole, piccole strutture a cuscino con tricomi o peli di piante. Le areole sono piccole protuberanze, o grappoli, da cui possono crescere spine, fiori, rami e foglie.
  • Cosa simboleggia un cactus? I nativi americani credono che un cactus sia un simbolo di calore, protezione e amore materno. Poiché le piante di cactus possono sopravvivere a condizioni difficili, sono state considerate “protettrici” e vengono date in dono, come offerta di protezione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *